Una dieta con più vino e formaggio possono aiutare a ridurre il declino cognitivo

ORME SVELATE

Red Wine & Cheese Painting by Oleg Bratashov |

Gli alimenti che mangiamo possono avere un impatto diretto sulla nostra acuità cognitiva nei nostri ultimi anni. Questa è la scoperta chiave di uno studio di ricerca della Iowa State University messo in luce in un articolo pubblicato nel numero di novembre 2020 del  Journal of Alzheimer’s Disease. Lo studio è stato compiuto dai neuroscienziati nel dipartimento di Scienze alimentari e nutrizione umana dello Iowa State. Lo studio è un’analisi su larga scala unica nel suo genere che collega alimenti specifici all’acuità cognitiva nelle fasi successive della vita. I ricercatori hanno analizzato i dati raccolti da 1.787 adulti anziani (dai 46 ai 77 anni di età, al completamento dello studio) nel Regno Unito attraverso la UK Biobank, un database biomedico su larga scala e una risorsa di ricerca contenente informazioni genetiche e sanitarie approfondite da mezzo milione di partecipanti nel Regno Unito. Il database è accessibile a livello globale ai ricercatori approvati…

View original post 447 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...